PER CUI LA QUALE

Questa sera sì funesta
corro a chiudere il portone
vento grandine e tempesta
voglion farla da padrone

Ma in cucina c’è un calduccio
e la pentola è sul fuoco
d’essere sola non mi cruccio
che di sugo ce n’ho poco

Ho finito il Vermentino
e di Luni e di Gallura
ora cerco un altro vino
che la pasta è sempre dura

Ecco un piatto celestiale
faccio come la valletta
canterò ” Per cui la quale ”
e con una piroetta

son CICALE CICALE CICALE

 

 

Condividi: