quattordicifebbraio

 

 

QUATTORDICIFEBBRAIO

Penso, da sempre, che San Valentino sia un’emerita minchiata, ma poiché sono altrettanto convinta che sia solo l’amor che muove il sole e l’altre stelle, mi ero memorizzata una divertente dichiarazione d’amore, tratta dal film Jerry Maguire, per condividerla oggi con voi.
Ma la giornata ha preso una piega diversa.


Il primo cliente di stamani era un signore di 85 anni, che chiamerò Giovanni, e mentre gli stringevo la mano, sottile ed un po’ tremolante, notavo all’anulare due fedi nuziali.
Sapevo già a grandi linee la sua storia, per i colloqui intercorsi per motivi di lavoro: divorziato quando ancora questo stato civile era proprio di poche mosche bianche, aveva conosciuto negli anni ’80 una signora anche lei divorziata, che chiamerò Maria, con cui aveva nel tempo costruito una nuova vita insieme, con totali 6 figli da crescere; una vita piena di difficoltà familiari, di salute e finanziarie, ma comunque felice. Pochi anni fa la signora era venuta a mancare.
– Che bella cosa che lei porti la fede della signora Maria!-
– Si, l’ho fatta allargare e la porto sempre.-
Si sfila gli anelli e me li porge. Le loro iniziali incise, e come è ovvio, una data: 29.11.1980.
_ Ah, vi siete sposati a fine novembre?
– No, no davvero, era il primo giorno che l’ho vista.
E Giovanni, un signore così distinto, serio e riservato, ha cominciato a parlare e non si è più fermato.

“Quel giorno era un venerdì ed io da Prato ero schizzato in macchina dopo il lavoro per venire a Viareggio a ballare al Principino. Ero già vicino ai 50 anni, ma dopo il divorzio ero diventato un donnaiolo nottambulo che non si faceva mancare nulla. Quella sera però non c’era il dancing, ma un concerto; presi comunque un biglietto per passare la serata. Mi trovai seduto accanto a lei, Maria.
Io non so che mi prese (e qui Giovanni stringe la mano a pugno, l’avvicina al cuore, la riapre, la porta alle labbra, visibilmente emozionato, in una mimica disperata per tentare di dare parole e forma al suo sentimento).
Non capivo più nulla, non ero più io, mi sentivo la testa in fiamme ma anche un sudorino ghiaccio sulla schiena e mi sembrava di non riuscire a far entrare l’aria nel corpo.
Però ce la feci a presentarmi e a cominciare a parlare, seppi che era separata e mi offrii di dare un passaggio a casa a lei ed alla sua bambina. Lei acconsentì, forse capì che ero una persona perbene, ma mi fece intendere che tra noi non sarebbe mai potuto esserci niente.
Quella notte non riuscii a tornare a Prato, ma stetti in macchina sotto casa sua ad aspettare che facesse giorno per vedere se usciva per portare i bambini a scuola. E quante altre notti mi sono precipitato da Prato per venire ad appisolarmi in macchina sotto casa sua e poi imboccare di nuovo l’autostrada all’alba per tornare al lavoro!
Poi, piano piano, cominciammo ad uscire insieme. A volte soli, a volte con uno dei figli, e diventammo amici. Poi, senza mai smettere di essere amici, quasi un anno dopo, mentre sul divano di lei guardavamo Kramer contro Kramer, diventammo amanti. Poi, ancora un anno dopo, senza smettere di essere amanti, senza smettere di essere amici, diventammo marito e moglie. E ora sono rimasto solo. E ancora non capisco che cosa aveva lei che non aveva nessuna altra. So solo che la mia vita era un girare a tentoni nella nebbia prima di quel 29 novembre… DIre che una donna e’ stata il grande amore della tua vita suona come un terribile cliché’, e poi e’ così’ ridicolo a questa eta’, ma è questo, quello che lei e’ stata per me. ”

E allora io lo URLO e lo PUBBLICO quest’inno all’AMORE!!!

Non passa giorno in cui non abbiamo notizia di un abuso, di una violenza, di un omicidio contro una donna. Non ultimo il femminicidio di ieri.
RAGAZZE, STATE ALL’ERTA, NON ABBASSATE LA GUARDIA, sono crimini che vanno fermati con tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione: dall’educazione alla non violenza , alla sensibilizzazione sociale, alla denuncia IMMEDIATA e TEMPESTIVA, di ogni atto di violenza fisica, psicologica, sessuale, economica, familiare, all’inasprimento delle pene nei confronti degli stalker.

Ma non rinnegate per questo l’Amore, quando arriva.
Il 99% degli uomini sono come Giovanni.
Credetemi.

 

 

I

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi: